home informazioni servizi risorse attività

testata

logo
Informazioni - Regolamento
 
biblioteca

Il regolamento della Biblioteca è parte del regolamento generale del Centro Culturale Cascina Grande del Comune di Rozzano


Biblioteca
ART.8 FINALITA’ E SERVIZI
ART.9 PERSONALE
ART.10 ORDINAMENTO DELLE RACCOLTE: FONDI E SEZIONI
ART.11 INCREMENTO DELLE RACCOLTE
ART.12 DONAZIONI E LASCITI
ART.13 INVENTARI, REGISTRI E CATALOGHI
ART.14 PROCEDURE DI CATALOGAZIONE E CLASSIFICAZIONE
ART.15 CONSERVAZIONE, REVISIONE E SCARTO
ART.16 ACCESSO AI SERVIZI
ART.17 CONSULTAZIONE IN SEDE
ART. 18 PRESTITO A DOMICILIO
ART.19 PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO
ART.20 RIPRODUZIONE FOTOSTATICA, FOTOGRAFICA E DIGITALE

Biblioteca dei Ragazzi
ART.21 FINALITA’E SERVIZI
ART.22 PERSONALE
ART. 23

ALTRE DISPOSIZIONI Accesso alle postazioni informatiche e audiovisive
ART.24 UTILIZZO DELLE POSTAZIONI AUDIOVISIVE
ART.25 UTILIZZO DELLE POSTAZIONI MULTlMEDIALI
ART.26 SERVIZIO DI NAVIGAZIONE INTERNET
ART. 27 PAGAMENTO
ART. 28 ACCESSO ALLE POSTAZIONI INTERNET
ART. 29 DURATA DELLA NAVIGAZIONE
ART. 30 ASSISTENZA ALLA NAVIGAZIONE
ART. 31 NORME DI COMPORTAMENTO
ART. 32 RESPONSABILITA’
ART. 33 SANZIONI

TITOLO II
Biblioteca

ART. 8 FINALITA’E SERVIZI La Biblioteca di Rozzano è un'istituzione culturale aperta al pubblico che opera in conformità ai principi espressi nel Manifesto Unesco per le biblioteche pubbliche.
La Biblioteca di Rozzano, in quanto unità di servizio dell'organizzazione bibliotecaria regionale, assicura i seguenti servizi:
a) acquisizione, ordinamento, conservazione e pubblica fruizione dei beni librari e documentari e delle risorse informative, nel rispetto degli indirizzi e degli standard definiti dalla Regione Lombardia;
b) salvaguardia del materiale librario e documentario raro e di pregio
c) acquisizione, ordinamento, conservazione e pubblico fruizione dei beni librari e documentari relativi alla storia locale;
d) prestito interbibliotecario del materiale librario e documentario;
e) realizzazione di attività culturali correlate alle funzioni proprie delle biblioteche di diffusione della lettura e dell'informazione, del libro e del documento nonchè alla conoscenza e all'utilizzo delle nuove tecnologie informative;
f) collaborazione, anche come centro di informazione, alle attività e ai servizi culturali e di pubblico interesse svolti sul territorio del Sistema Bibliotecario Intercomunale dagli enti pubblici e privati
Inoltre la Biblioteca:
a) si fa parte attiva del deposito di una copia delle pubblicazioni curate dai Comuni associati al Sistema Bibliotecario Intercomunale, dalla Provincia e dalla Regione in conformità alla vigente legge regionale;
b) al fine di conseguire l'integrazione delle risorse bibliografiche e documentarie esistenti sul territorio comunale, attua forme di collegamento e cooperazione con istituzioni bibliotecarie e archivistiche pubbliche e private attraverso apposite convenzioni.
c) svolge i compiti ad essa affidati dal Sistema Bibliotecario Intercomunale.
TORNA SU

ART.9 PERSONALE La gestione della Biblioteca è affidata a un Responsabile di servizio che ne assicura il funzionamento in sintonia con i programmi del Centro Culturale.
In particolare il Responsabile:
a) assicura l’erogazione dei servizi; b) svolge le funzioni inerenti all’acquisizione del materiale librario o documentario, al suo ordinamento ed al suo uso pubblico; c) cura la buona conservazione dei materiali, delle attrezzature e degli arredi;
d) provvede alla monitoraggio e alla misurazione periodica dell’andamento dei servizi e fornisce al Direttore del Centro Culturale relazioni sull'attività della Biblioteca e) coadiuva il Direttore nell’elaborazione dei programmi pluriennali e dei piani annuali di attuazione.
TORNA SU

ART.10 ORDINAMENTO DELLE RACCOLTE: FONDI E SEZIONI Il patrimonio librario e documentario posseduto comprende:
a) fondo moderno (o corrente)
b) fondo periodici
c) fondi speciali
Il fondo corrente è articolato in sezioni:
a) consultazione generale
b) emeroteca
c) storia locale
d) narrativa
e) saggistica
f) documenti elettronici
g) videoregistrazioni
h) audioregistrazioni
i) fototeca
TORNA SU

ART.11 INCREMENTO DELLE RACCOLTE Le raccolte possono essere incrementate mediante acquisti, doni, per scambi e per deposito delle pubblicazioni di cui all'art. 19 della L.R. 81 del 14.12.1985.
La scelta dei documenti da acquistare è di esclusiva competenza del personale della Biblioteca, nel rispetto delle indicazioni, dei programmi e dei piani definiti dal Comune.
Qualsiasi utente può proporre l'acquisto di materiale librario e documentario non posseduto dalla Biblioteca. Le proposte sono valutate dal personale, che provvede a comunicare entro 15 giorni l'accettazione o meno della richiesta, motivando eventuali rifiuti. Le proposte vengono comunque accettate nei limiti del bilancio.
TORNA SU

ART.12 DONAZIONI E LASCITI Per quanto riguarda l'accettazione di eventuali donazioni e lasciti a favore della Biblioteca provvede il Comune ai sensi di legge, sentito il parere del Responsabile del servizio.
Per le donazioni di opere singole o comunque non costituenti fondo omogeneo provvede direttamente il Responsabile.
TORNA SU

ART.13 INVENTARI, REGISTRI E CATALOGHI Gli inventari, i registri, i cataloghi bibliografici delle opere possedute e gli archivi degli utenti sono gestiti mediante un sistema informatico.
La Biblioteca mette a disposizione del pubblico terminali per la consultazione in linea del catalogo collettivo del Sistema Bibliotecario Intercomunale di Rozzano e - ove possibile - di altre biblioteche, mediante il servizio di navigazione in internet.
TORNA SU

ART.14 PROCEDURE DI CATALOGAZIONE E CLASSIFICAZIONE Il trattamento dell'informazione relativa ai materiali acquistati dalla Biblioteca è conforme agli standard descrittivi e semantici internazionali e nazionali in uso.
La classificazione per materie adotta le regole della Classificazione Decimale Dewey (CDD) nell'edizione abbreviata ufficiale.
Le norme nazionali e internazionali sono applicate tenendo conto delle raccomandazioni espresse dai competenti organi regionali, provinciali e dall'Associazione Italiana Biblioteche.
TORNA SU

ART.15 CONSERVAZIONE, REVISIONE E SCARTO Per garantire la corretta conservazione del materiale posseduto, la Biblioteca è tenuta a periodici interventi di pulizia e spolveratura, controllo e verifica dello stato delle raccolte. Eventuali interventi di restauro o rilegatura sono valutati dal Responsabile di servizio.
A scopo conservativo sono previste operazioni di riproduzione dei materiali del fondo antico, dei fondi speciali e del fondo locale.
Il personale della Biblioteca effettua periodicamente la revisione delle raccolte librarie e documentarie e delle attrezzature. A seguito della revisione, il personale provvede ad aggiornare il catalogo in linea, per garantire la conformità fra informazione catalografica e effettiva disponibilità di risorse documentarie.
Il materiale giudicato inservibile, deteriorato, obsoleto o non più rispondente alle finalità del servizio viene scartato ai sensi delle disposizioni contenute nei piani triennali regionali o provinciali.
I record bibliografici relativi ai documenti scartati sono eliminati dal catalogo e inseriti in apposito database.
I documenti, previa determinazione del Dirigente, sono proposti per la donazione a scuole, biblioteche e associazioni o donati a singoli utenti, a discrezione del Responsabile di Servizio. Il materiale residuo è inviato al macero.
TORNA SU

ART.16 ACCESSO AI SERVIZI Per accedere ai servizi erogati dalla Biblioteca è necessario iscriversi.
L’iscrizione è gratuita e avviene tramite la presentazione di un documento d'identità valido e la compilazione di un modulo d'iscrizione. Per i minori di anni 15 l’iscrizione deve essere avvallata da un genitore o da chi esercita la patria potestà I dati personali degli utenti sono gestiti in conformità alla Legge 31 dicembre 1996 n° 675 ed utilizzati esclusivamente per le esigenze di funzionamento della Biblioteca.
La tessera d'iscrizione rilasciata dalla Biblioteca è strettamente personale, può essere utilizzata in tutte le biblioteche del Sistema Bibliotecario Intercomunale.
L’iscrizione è rinnovata di anno in anno alla prima richiesta d’accesso al servizio di prestito a domicilio da parte dell’utente. L’utente, nel proprio interesse, segnala ogni eventuale variazione d'indirizzo o recapito telefonico che lo riguardi. In caso di smarrimento della tessera d'iscrizione, l'utente è tenuto ad avvertire tempestivamente il personale della Biblioteca, che provvede a disabilitare il codice personale. L'utente è comunque ritenuto responsabile dei prestiti effettuati da terzi. Per il rilascio del duplicato della tessera d'iscrizione è previsto un rimborso pari a euro 1 (uno).
TORNA SU

ART.17 CONSULTAZIONE IN SEDE La consultazione in sede delle opere collocate a scaffale aperto è a libero accesso per l’utenza. La consultazione delle rimanenti opere non direttamente a disposizione degli utenti avviene per il tramite del personale, che provvede a registrare la richiesta.
Per la consultazione delle opere anteriori al 1960, dei manoscritti, dei materiali d'archivio, delle opere grafiche, delle stampe e manifesti, delle carte geografiche che presentano caratteri di rarità o di pregio, è richiesta la consegna di un documento d'identità e il visto del Direttore. Tale materiale è dato in lettura in sala separata o riservata.
Sono esclusi dalla consultazione in sede tutti i materiali non inventariati, non bollati o numerati e i film vietati ai minori.
Gli utenti sono responsabili del materiale preso in consultazione.
L'accesso alle postazioni di lettura è libero. Il personale della Biblioteca è tenuto ad adottare ogni provvedimento utile a garantire la fruibilità delle postazioni al maggior numero possibile di utenti, anche provvedendo a riservare un congruo numero di postazioni alla sola consultazione del materiale appartenente alle raccolte della biblioteca. L’abbandono della postazione di lettura per un periodo superiore ai 15 minuti comporta la perdita del diritto ad occupare il posto. Al termine della consultazione 1'utente deve lasciare sul tavolo le opere collocate negli scaffali aperti: è compito del personale riporle sugli scaffali.
TORNA SU

ART. 18 PRESTITO A DOMICILIO Il prestito a domicilio è un servizio individuale assicurato a tutti gli iscritti alla Biblioteca
La registrazione dei prestiti avviene mediante presentazione della tessera personale d’iscrizione alla Biblioteca. Il prestito è personale e 1'utente è responsabile della buona conservazione del materiale preso in prestito. La mancata restituzione o eventuali danneggiamenti obbligano 1'utente al rimborso del costo corrente del volume; in alternativa, previo accordo con il Responsabile del Servizio, l’utente provvede entro 15 giorni al riacquisto del documento. E’assolutamente vietato piegare le pagine, sottolineare i libri o scrivere sulle opere prese in prestito. Sono ammesse al prestito le opere appartenenti al fondo corrente. Sono escluse dal prestito tutte le opere appartenenti al fondo antico, ai fondi speciali, i periodici correnti e quelle che, a giudizio del Responsabile del servizio, devono rimanere in sede.
Di norma non possono essere date in prestito più di dieci opere per volta, comprensive di 2 audioregistrazioni e di una videoregistrazione. La durata del prestito è di 30 giorni per i libri (ridotti a 15 nel caso della manualistica per concorsi), di 7 giorni per le audioregistrazioni, le videoregistrazioni, i cd-rom e i periodici (ad eccezione del numero corrente, che è escluso dal prestito).
La proroga del prestito, richiesta prima della scadenza, è concessa per una sola volta a condizione che il documento non sia prenotato da altro utente.
La mancata restituzione delle opere in prestito entro il termine di 30 giorni comporta una penale di 0,05 euro per ogni giorno di ritardo e per ogni opera. L'utente è avvisato mediante un sollecito telefonico. Trascorsi inutilmente 30 giorni, si procede all'esclusione dal prestito; tale misura può essere disposta dal Direttore anche per chi accumuli ritardi nella restituzione o per chi non rimborsi il materiale perso o danneggiato.
Il Direttore può, in qualsiasi momento, richiedere la restituzione anticipata delle opere in prestito, motivando la richiesta.
Le opere fino a tre volumi escluse dal prestito possono essere richieste a domicilio nel periodo di chiusura settimanale (dalle ore 18.00 del sabato alle ore 9.00 del lunedì mattina successivo ).
I solleciti telefonici sono sospesi dal 15 luglio al 15 settembre per consentire all’utenza di usufruire del prestito a domicilio nel periodo delle vacanze estive. TORNA SU

ART.19 PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO La biblioteca svolge un regolare servizio di prestito con altre biblioteche, e in particolare con quelle aderenti al Sistema Bibliotecario Intercomunale di Rozzano e ai Sistemi Bibliotecari di Abbiategrasso, Corsico, Magenta e del Castanese.
Il servizio è regolato da apposito regolamento approvato dall’Assemblea dei Sindaci del Sistema Bibliotecario Intercomunale.
TORNA SU

ART.20 RIPRODUZIONE FOTOSTATICA, FOTOGRAFICA E DIGITALE Il materiale che compone le raccolte della Biblioteca è tutelato dalle norme sulla protezione del diritto d'autore. L’estrazione di copie da pubblicazioni o documenti e la registrazione di files o programmi, comunque effettuata, è consentita solo per un uso strettamente personale e nei limiti stabiliti dalla normativa vigente. E’formalmente proibita la riproduzione, la diffusione o la radiodiffusione di queste copie o registrazioni a fini commerciali. La Biblioteca declina ogni responsabilità per eventuali infrazioni alla normativa sulla protezione del diritto d’autore commesse a sua insaputa dagli utenti mediante utilizzo di materiale proveniente dalle proprie raccolte. Il servizio fotocopie è riservato al materiale di proprietà della Biblioteca. Il prezzo di ciascuna fotocopia è stabilito dai competenti organi comunali. E’ vietato fotocopiare i materiali che presentino rischi di deterioramento. In caso di comprovata necessità di studio il Responsabile del servizio può disporre deroghe, provvedendo alla riproduzione del materiale; i costi sono addebitati al richiedente. La riproduzione del materiale fotografico di proprietà della Biblioteca è di norma consentita. Le condizioni saranno di volta in volta stabilite dal Responsabile del servizio in relazione alla provenienza dei materiali, tenuto conto della normativa vigente in materia di tutela del diritto d’autore e di riproduzione dei materiali fotografici. Le spese di riproduzione sono a totale carico dei richiedenti.
TORNA SU

TITOLO III
Biblioteca dei Ragazzi

ART.21 FINALITA’E SERVIZI 1. La Biblioteca dei Ragazzi di Rozzano è un'istituzione culturale aperta al pubblico che provvede a garantire opportunità di lettura, informazione e documentazione agli utenti compresi nella fascia d'età 0-13 anni, attraverso raccolte che integrano tutti i supporti disponibili.
2. In particolare, la Biblioteca dei Ragazzi assicura i seguenti servizi:
a) acquisizione, ordinamento, conservazione e pubblico fruizione dei beni librari, e documentari e delle risorse informative destinate a tale categoria di utenti;
b) realizzazione di attività culturali correlate alle funzioni proprie delle biblioteche di diffusione della lettura e dell'informazione, del libro e del documento nonché alla conoscenza e all'utilizzo delle nuove tecnologie informative;
c) collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale per la realizzazione di progetti e iniziative volte a promuovere la lettura, la conoscenza delle espressioni artistiche e 1'utilizzo delle nuove tecnologie informatiche.
TORNA SU

ART.22 PERSONALE La gestione della Biblioteca dei Ragazzi è affidata a un Responsabile di Servizio che ne assicura il funzionamento in sintonia con i programmi del Centro Culturale.
In particolare il Responsabile:
a) assicura il funzionamento della Biblioteca e l'erogazione dei servizi;
b) coordina l’attività dello spazio ludico della Biblioteca dei ragazzi. c) svolge le funzioni inerenti l'acquisizione del materiale librario e documentario per ragazzi, il suo ordinamento ed il suo uso pubblico;
d) cura la buona conservazione dei materiali, delle attrezzature e degli arredi;
e) cura i contatti con le scuole, con il personale docente, con i professionisti e gli operatori culturali per la realizzazione dei progetti e delle attività di cui all'art. 22;
f) provvede alla monitoraggio e alla misurazione periodica dell’andamento dei servizi e fornisce al Direttore del Centro Culturale relazioni sull'attività della Biblioteca dei Ragazzi g) coadiuva il Direttore nell’elaborazione dei programmi pluriennali e dei piani annuali di attuazione. Il personale non è in alcun modo responsabile della custodia dei bambini che frequentano la Biblioteca dei Ragazzi. La presenza e il comportamento dei minori ricade interamente sotto la responsabilità dei genitori o tutori legali.
TORNA SU

ART. 23 ALTRE DISPOSIZIONI l. Per quanto non espressamente contemplato dal regolamento della Biblioteca dei Ragazzi, si rimanda agli articoli da 8 a 20.
TORNA SU

TITOLO IV
Accesso alle postazioni informatiche e audiovisive

ART.24 UTILIZZO DELLE POSTAZIONI AUDIOVISIVE L'accesso alle postazioni audiovisive è gratuito ma deve essere autorizzato dal personale, che provvede a registrare la richiesta di consultazione e ad abilitare le funzioni richieste.
E’consentita esclusivamente la consultazione del materiale appartenente alle raccolte della Biblioteca. L'ascolto è possibile esclusivamente attraverso cuffie fornite dal personale, che l'utente è tenuto a trattare con cura e riconsegnare al termine dell’utilizzo. Indipendentemente dai supporti, ogni richiesta di consultazione è riferita a una sola opera. Di norma ogni utente non può presentare più di una richiesta per volta.
TORNA SU

ART.25 UTILIZZO DELLE POSTAZIONI MULTlMEDIALI L'accesso alle postazioni multimediali è gratuito ma deve essere autorizzato dal personale, che provvede a registrare la richiesta di utilizzo e ad abilitare l'accesso alle funzioni richieste.
Per ogni sessione di utilizzo è previsto un tempo limite di due ore consecutive, con possibilità di rinnovo in assenza di altre richieste. La durata d’utilizzo delle postazioni informatiche può essere limitata in qualunque momento a discrezione del personale, per garantire l’accesso al maggior numero possibile di utenti. E’espressamente vietato l'utilizzo di programmi - comunque registrati -che non facciano parte delle raccolte della Biblioteca. La registrazione di files creati dall’utente o copiati dai programmi e dalle banche dati disponibili sui server del Centro Culturale può avvenire solo su supporti previamente testati dal personale per verificare l’assenza di virus informatici. Eventuali stampe effettuate attraverso il sistema informatico della Biblioteca comportano la corresponsione di una tariffa a foglio, stabilita dai competenti organi comunali.
In presenza di esigenze particolari, previa prenotazione effettuata almeno il giorno precedente, è possibile utilizzare le postazioni di lavoro multimediali per un periodo superiore alle due ore. In tal caso è previsto il pagamento di una tariffa, stabilita dai competenti organi comunali, per ogni ora successiva alle prime due. Il pagamento è effettuato all'atto della prenotazione.
TORNA SU

ART.26 SERVIZIO DI NAVIGAZIONE INTERNET L’accesso a internet è consentito esclusivamente agli utenti iscritti alla Biblioteca, previa sottoscrizione del modulo di accettazione delle norme che regolano il servizio. I minori di anni 16 devono essere espressamente autorizzati da un genitore o tutore giuridico. L’autorizzazione è valida per tutto l’anno solare e deve essere rinnovata ogni anno, sino al compimento del sedicesimo anno d’età. Il personale della biblioteca non è tenuto ad esercitare la supervisione sull’uso di internet da parte dei minori. All’atto della sottoscrizione l’utente sceglie una password, che sarà richiesta dal sistema ad ogni collegamento. La password è personale e riservata. L’utente, nel proprio interesse, è tenuto a non divulgarla.
TORNA SU

ART. 27 PAGAMENTO La tariffa per l’utilizzo del servizio di navigazione internet è definita dai competenti organi comunali. Per accedere al servizio è necessario munirsi della card magnetica che abilita i servizi a pagamento. La tessera è in vendita presso il distributore automatico installato in Biblioteca.
Il pagamento del servizio è anticipato. La durata minima che l’utente può farsi accreditare è di 60 minuti.
TORNA SU

ART. 28 ACCESSO ALLE POSTAZIONI INTERNET L’accesso alle postazioni è regolato dal personale della biblioteca. Nel caso in cui le postazioni siano occupate, il personale provvede a mettere in lista d’attesa le richieste d’utilizzo La navigazione viene abilitata dall’utente mediante immissione di un codice utente e di una password. Per ciascuna sessione di utilizzo il sistema informatico provvede a registrare il nominativo dell’utente, la data, l’ora d’inizio e di termine, l’identificativo della postazione utilizzata. I dati registrati dal sistema sono trattati in conformità alla L. 675/95.
TORNA SU

ART. 29 DURATA DELLA NAVIGAZIONE La durata di ogni singola sessione di utilizzo delle postazioni internet è fissata in 60 minuti. Il limite giornaliero per utente è di due ore. L’utilizzo della postazione è individuale, salvo specifici casi autorizzati dal personale della biblioteca. La durata delle sessioni può essere limitata in qualunque momento a discrezione del personale, per garantire l’accesso al maggior numero possibile di utenti.
TORNA SU

ART. 30 ASSISTENZA ALLA NAVIGAZIONE Il personale della biblioteca non fornisce di norma assistenza sui meri aspetti tecnici dell’utilizzo degli applicativi internet, mentre può fornire supporto individuale al recupero dell’informazione. Per garantire una risposta adeguata alle esigenze di alfabetizzazione informatica della popolazione residente e per contribuire ad abbassare la soglia di esclusione dall’utilizzo delle nuove tecnologie nel territorio comunale, il Centro Culturale Cascina Grande organizza periodicamente corsi di informatica di base rivolti alla propria utenza, a categorie particolari di cittadini e a un pubblico indifferenziato.
TORNA SU

ART. 31 NORME DI COMPORTAMENTO L’utilizzo delle postazioni internet e multimediali in biblioteca è consentito ai soli fini di ricerca e studio ed avviene esclusivamente attraverso il software installato dal personale addetto. Non è consentita l’attivazione di funzioni aggiuntive che necessitino altri applicativi, mentre è consentito l’uso di servizi remoti (email, forum, newsgroup) che non comportino l’intervento di applicativi residenti sulla postazione. Non è consentito il riavvio del computer e/o della connessione di rete. Per la soluzione di qualsiasi problema deve essere consultato il personale della biblioteca.
E’vietato alterare, rimuovere o danneggiare le configurazioni software e hardware dei computer della biblioteca. Non è consentita, neppure agli utenti maggiorenni, la navigazione ove appaiano immagini di nudità non contestualizzate in ambiti di ricerca e studio.
La navigazione in siti con contenuti di pedofilia procurerà l’immediata denuncia, senza preavviso all’utente, all’autorità giudiziaria competente.
TORNA SU

ART. 32 RESPONSABILITA’ Il servizio internet della biblioteca non può essere usato per scopi vietati dalla legislazione vigente.
L’utente è direttamente responsabile, civilmente e penalmente, per l’uso fatto del servizio internet; per i minori di anni 16 è responsabile il genitore o tutore legale. L’utente è responsabile in ordine alla violazione del copyright, della privacy e delle limitazioni di accesso a sistemi informativi pubblici e privati. L’utente è tenuto a pagare i danni procurati alle apparecchiature, al software o alle configurazioni.
TORNA SU

ART. 33 SANZIONI In violazione degli obblighi prescritti e in considerazione della gravità o reiterazione dei comportamenti scorretti, possono applicarsi:
a) l’interruzione della sessione di navigazione b) la sospensione o esclusione dall’accesso al servizio c) la denuncia presso le autorità competenti.
TORNA SU

 

Valid HTML 4.01 Transitional