logo La biblioteca dei ragazzi è ospitata nel vecchio mulino, già destinato alla lavorazione del riso e del grano. I servizi, distribuiti su due piani, sono stati progettati per soddisfare al meglio le necessità di un'utenza giovane (0-14 anni).

SCUOLE

PROGETTO BIBLIOTECA&SCUOLA

1 PRESENTAZIONE
1.1 - MISSION E OBIETTIVI: Il programma “biblioteca&scuola”, da oltre 20 anni nei piani progettuali della biblioteca dei ragazzi, realizza percorsi di promozione tra le due istituzioni con l’obiettivo di avvicinare gli studenti a libri e letture, oltre a far conoscere i servizi bibliotecari anche nelle realtà più periferiche della città.
In questo lungo arco di tempo si è costituito un importante sodalizio con molti insegnanti, i cui feedback, oltre ad aver consentito di razionalizzare le proposte, in modo da venire incontro anche alle esigenze didattiche delle scuole, ha consentito negli ultimi 10 anni a oltre 25.000 bambini e ragazzi di incontrare, visitare e utilizzare la biblioteca, cimentandosi in giochi letterari, tornei, laboratori e attività manipolative, letture ad alta voce e teatrali, progetti di lettura e scrittura.
Dal 2004 è attivo un tavolo di lavoro permanente a cui partecipano insegnanti di tutti i plessi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Rozzano, dando in tal forma ad un contesto di cooperazione tra i diversi attori protagonisti finalizzato alla realizzazione di un circuito virtuoso in cui strategie e strumenti risultino efficaci per affrontare temi riguardanti la documentazione della produzione editoriale per ragazzi, la diffusione e promozione della lettura, le biblioteche scolastiche, le nuove tecnologie digitali.

1.2 - STRUMENTI:Il programma, articolato su tre macroaree (percorsi, servizi permanenti e thekediscuola), propone iniziative mirate alla promozione di tutte le letture (testuali iconiche, multimediali e ipertestuali e digitali) e delle biblioteche (di pubblica lettura e scolastiche) calibrate sulle varie fasce d’età, così da consentire agli insegnanti interessati di supportare e integrare i propri curricula didattici.
libri2 L’area “Percorsi” prevede un contenitore di eventi e iniziative che di anno in anno varia, mentre “Servizi Permanenti”presenta quei servizi, che per la loro peculiarità possono essere utilizzati durante tutto il corso dell’anno scolastico anche da chi non è eventualmente interessato alle attività presentate nel contenitore annuale.
Thekediscuola invece offre agli insegnanti, oltre ad una panoramica sullo stato dell’arte delle biblioteche scolastiche delle scuole del territorio, strategie e strumenti per programmare interventi, mirati alla valorizzare dei patrimoni librari scolastici, in un’ottica di futura rete cittadina di biblioteche scolastiche.

1.3 - B&S: ISTRUZIONI PER L’USO: Per partecipare agli eventi in programma (che tendenzialmente hanno un numero limitato di posti) o ai servizi permanenti è necessario prenotarsi, contattando gli insegnanti referenti del progetto dei singoli plessi, oppure per eventuali ulteriori informazioni contattare direttamente o via mail la biblioteca (tel.:0289259334/5, e-mail: biblioteca.ragazzi@comune.rozzano.mi.it)

Gli orari per lo svolgimento delle attività con le scuole sono: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 14.00 e, compatibilmente con le attività previste durante l’apertura pomeridiana al pubblico, dalle 14.00 alle 16.30
Il rispetto delle consegne (tempi e modalità) di lettura e scrittura nei progetti che prevedono più incontri è fondamentale per la buona riuscita dei percorsi. In caso contrario la biblioteca valuterà se interrompere o meno il percorso.
penelope
Gli incontri si svolgono presso la biblioteca dei ragazzi e presso le classi aderenti al progetto, salvo accordi diversi con gli insegnanti. Le attività proposte nell’ambito dei “ percorsi” sono rivolte agli istituti scolastici del territorio, ma è offerta l’opportunità a scuole di altri comuni, previa prenotazione e verifica della disponibilità, organizzare visite guidate presso la biblioteca dei ragazzi e il Centro Culturale Cascina Grande. Le bibliografie proposte sono integrabili con titoli presenti nelle biblioteche scolastiche, previo accordi con i bibliotecari. Per esigenze legate all’organizzazione dei servizi gli eventi possono subire modifiche, che saranno comunicate ai referenti scolastici in tempio adeguati.

2 PERCORSI 2016-2017

“Percorsi” si propone di far incontrare agli studenti delle scuole rozzanesi libri, letture e biblioteca, viaggiando tra parole e immagini, i generi più frequentati nella letteratura per ragazzi.
Il focus del progetto è rappresentato dalle strategie messe in campo annualmente per rendere bambini e ragazzi protagonisti delle storie che incontrano, evocando luoghi sconosciuti e impervi, personaggi famosi o amici immaginari con cui gioire, spaventarsi, commuoversi; I giovani lettori hanno così l’opportunità di confrontare i modelli del proprio vissuto quotidiano con l’immaginario proposto dalla narrazione e far diventare il complicato piacere della lettura in una lente che tutto ingrandisce e tutto avvicina: il mondo ma anche se stessi.

libri2 2. 1 - ROALD DAHL 100
Obiettivo: in occasione dei 100 anni dalla nascita far conoscere il lavoro letterario del grande scrittore, autore di storie indimenticabili quali Il GGG, La fabbrica di cioccolato e Matilde
A chi è rivolto: Scuole dell’infanzia e primarie
Strumenti: In biblioteca dei ragazzi verrà allestita una mostra bibliografica che presenterà attraverso libri e film il lavoro di Roald Dahl. Sono previste inoltre attività di promozione della lettura rivolte sia alle scuole dell’infanzia che a quelle primarie.
Numero incontri: 1 laboratorio per circa 1,15 h.
Il calendario degli appuntamenti verrà concordato con le scuole
A cura di Egle Varisco

2.2 - FANTASTICHE TERRE DI MEZZO
Il percorso propone un viaggio nel Fantasy, un genere letterario di grande successo ma spesso snobbato dalla critica.
I ragazzi, sull’onda del successo di Harry Potter e (al cinema) del signore degli anelli, hanno riscoperto atmosfere, mondi e personaggi che sembravano relegati in un cono d’ombra, sopraffatti dai pregiudizi che per decenni hanno inseguito autori come Tolkien o Lewis, trasformandoli in icone negative di una letteratura etichettata come di “fuga”, non realista, diseducativa e quindi non adatta ad essere spesa con i più giovani. Eppure il fantasy ai ragazzi piace, se promosso in modo adeguato (come spesso non avviene per la letteratura a loro dedicata), perché ben si presta a liberare l’immaginario fantastico dal conformismo mediatico dei nostri tempi e, grazie alla sua disponibilità al meticciato con altri generi e altri media (si pensi ad esempio a Neil Gaiman e al fumetto), lo rende un genere moderno e adatto a descrivere il quotidiano.
Sulla scena letteraria degli ultimi anni si sono affacciati giovani autori pronti a rinverdire e dare nuovo lustro al genere, provando nel contempo a svecchiarlo, senza clonare elementi occasionali quali spade, draghi, signori oscuri, ma proponendo universi nuovi, coerenti con le proprie leggi e animati da principi autonomi.
A fianco di quelli che oramai vengono considerati numi tutelari, come Tolkien, Lewis, Ursula Le Guin, di scrittori che hanno utilizzato la chiave del fantastico nelle loro opere come Baum (Il mago di Oz), Carroll (le avventure di Alice nel paese delle meraviglie), Barrie (Peter Pan e i giardini di Kensington), Ende (La storia infinite e Momo), Calvino, Buzzati, troviamo Neil Gaiman, Philip Pulmann, Terry Pratchett, Serge Brussolo, Walter Moers, Christpher Paolini, Valerio Evangelisti, Licia Troisi.
L’obbiettivo del progetto “Lontane Terre di Mezzo” realizzato nell’ambito del programma Biblioteca&Scuola, era avvicinare i più giovani al piacere della lettura, provando a giocare, attraverso alcuni degli elementi fondanti del genere (il viaggio, il mondo fantastico, l’ambientazione medioevaleggiante, la magia, il linguaggio, l’incontro con il diverso) anche con la scrittura e con il teatro. Obiettivo: Viaggio nel mondo della letteratura fantasy
A chi è rivolto:Scuole secondarie di primo grado: classi prime e seconde
Strumenti: I generi narrativi della letteratura per ragazzi si offrono al potenziale giovane lettore come uno dei possibili strumenti per creare seducenti percorsi di lettura, ritagliati sulle capacità di lettura e sui gusti narrativi più diversi.
Attraverso le letture proposte si prova a smontare il genere fantasy insieme ai ragazzi, mettendo insieme, in un immaginario catalogo, topoi e temi fondanti. Un’opera di destrutturazione, a cui può far seguito il riassemblaggio con elementi del vissuto quotidiano dei giovani lettori attraverso la (ri)scrittura.
Numero incontri: 3 di 1,30h.
1° incontro: presentazione del genere attraverso letture di brani e visone di spezzoni di film
2° incontro: preparazione mappa della “terra di mezzo” della classe o dei gruppi di lavoro
3° incontro: preparazione percorso di scrittura creativa per la realizzazione di un racconto fantasy.
Tra il primo e il secondo incontro tutti i ragazzi dovranno leggere almeno un libro della bibliografia proposta. Dal terzo incontro i ragazzi, singolarmente, in gruppo o per classe dovranno scrivere un racconto breve. I lavori più interessanti verranno premiati o segnalati sul sito della biblioteca.
Qui è possibile scaricare la bibliografia!

2.3 - TUTTI I COLORI DEL GIALLO
Chi lavora in biblioteca con i ragazzi sa bene che spesso il piacere della lettura passa attraverso generi ben codificati come il giallo, il fantasy, l’horror, la fantascienza.
sherlom Generi che, pur in scenari apparentemente lontani tra loro, hanno come comun denominatore l’avventura, magica chiave che consente di costruire un rapporto duraturo con le pagine dei libri.
Un rapporto complesso quello tra libri e giovani, che spesso nell’adolescenza si rompe definitivamente perché mal gestito dagli adulti e dalle istituzioni che non comprendono che la lettura, in un mondo votato cromaticamente al grigio, può rappresentare per i ragazzi una colorata terra di confine a cui tendere, un magico luogo, dove fantasia e finzione costituiscono elementi di libertà fuori da schemi precostituiti, e i sentimenti come la paura l’amore,l’amicizia, liberi dalle gabbie categoriali imposte dagli adulti, diventano gli strumenti con cui poter intraprendere quel percorso iniziatico che segna il passaggio dall’infanzia alla maggiore età.
Attraverso la narrazione, scrive Antonio Faeti in un saggio sul noir, l’adolescente “proprio mentre naviga a vista nel mare delle contraddizioni, proprio mentre gli schemi soffici e favolosi dell’infanzia si sgretolano per lui giorno dopo giorno, scopre che l’intricata complessità del reale non si può e non si deve rifiutare, scopre che su di essa si sono costruite mirabolanti finzioni, scopre che l’Altrove non è temibile perché è amabile come la poesia, come la fantasia, come l’ardimento. E nella morgue magica di Julia (la protagonista di un fumetto giallo della Bonelli) constata come il mondo è apprezzabile perché sconcerta, stupisce, accora, stimola, stuzzica”.
In questo scenario il progetto ha l’ambizione di far incontrare i giovanissimi con un genere affascinante come il giallo attraverso la promozione di quella letteratura che spesso e a sproposito è stata relegata nella categoria della “paraletteratura” Il giallo ben si presta ad essere sostrato fertile su cui costruire la narrazione, una sorta di griglia a cui appendere temi e stili diversi, grazie ai sui confini precisi e codificati, frutto di oltre 150 anni di storia (il capostipite del “romanzo d’investigazione” ormai unanimemente viene considerato “I delitti della Rue Morgue” di E.A. Poe) I temi che caratterizzano il genere (il mistero, il detective, lo sguardo indagatore, il luogo) insieme alla razionalità che permea e contraddistingue il giallo da altri generi quali il fantasy e l’horror o la fantascienza, diventano elementi determinanti per allungare lo sguardo sul mondo e reinterpretare il proprio vissuto quotidiano innescando fascinazioni che non lasciano mai indifferenti i ragazzi. Il progetto si propone anche di smontare i topoi narrativi del genere per poi ricomporli attraverso la realizzazione di racconti brevi che, mettendo in azione l’ immaginario dei ragazzi, trasformano lettura e scrittura in lenti per guardare e rappresentare il proprio universo.
Obiettivo: viaggio nel mondo narrativo del giallo
A chi è rivolto: Scuole secondarie di primo grado: classi prime e seconde
Strumenti: i generi narrativi della letteratura per ragazzi si offrono al potenziale giovane lettore come uno dei possibili strumenti per creare seducenti percorsi di lettura, ritagliati sulle capacità di lettura e sui gusti narrativi più diversi.
Attraverso le letture proposte si prova a smontare il genere giallo insieme ai ragazzi, mettendo insieme, in un immaginario catalogo, topoi e temi fondanti, per poi ricomporli attraverso la realizzazione di racconti brevi che, mettendo in azione l’immaginario dei ragazzi, trasformano lettura e scrittura in lenti per rappresentare il proprio vissuto quotidiano.
Numero incontri:3 di 2h.
1° incontro: presentazione della figura del detective attraverso letture ad alta voce di brani
2° incontro: presentazione degli altri temi del genere (mistero, colpevole, logo, movente, soluzione) e preparazione percorso di scrittura creativa.
3° incontro: lettura collettiva dei racconti realizzati dai ragazzi e visione di spezzoni di film di genere.
Tra il primo e il secondo incontro tutti i ragazzi dovranno leggere almeno un libro della bibliografia proposta e preparare la descrizione del proprio personale detective, che diventerà protagonista del racconto breve. Dal secondo incontro i ragazzi, singolarmente, in gruppo o per classe dovranno scrivere un racconto.
Qui è possibile scaricare la bibliografia!

2.4 - TUTTI I COLORI DEL GIALLO: NOIR
Il noir è notoriamente una variazione del genere giallo, nato sulla scorta dalla letteratura hard-boiled di chandleriana memoria, che a partire dalla prima metà del secolo scorso ha cambiato i paradigmi di una letteratura, che ormai si era trasformata in un autoreferenziale gioco privo di spessore narrativo.
Il noir come spesso accade per la letteratura di genere, si offre come luogo per raccontare la contemporaneità e in questo caso il gioco con i ragazzi delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado è affrontare il complesso paradigma di sentimenti ed emozioni positive e negative che segna il complesso periodo dell’adolescenza.
I ragazzi proveranno attraverso la lettura e la scrittura di genere a rileggere la propria contemporaneità scavando nelle vite dei protagonisti dei libri e poi provando a inventare misteri letterari partendo dal proprio vissuto quotidiano.
Obiettivo: viaggio nel mondo narrativo del noir
A chi è rivolto:Scuole secondarie di primo grado: classi terze
Numero incontri: 3 di 2h.
1° incontro: presentazione del genere attraverso letture ad alta voce di brani che mettono a fuoco il protagonista, il mistero e il contesto. Tra il primo ed ils econdo incontro ai ragazzi viene chiesto di cominciare pensare un mistero, raccontato in prima persona da uno dei possibili protagonisti della propria storia.
Tra il primo e il secondo incontro tutti i ragazzi dovranno leggere almeno un libro della bibliografia proposta
2° incontro: Lettura e contestualizzione letteraria delle proposte narrative dei ragazzi. Ai ragazzi viene chiesto di scrivere in 2/3 cartelle l’incipit di un racconto noir.
3° incontro: lettura collettiva dei lavori di scrittura creativa realizzati dai ragazzi e discussione.
Qui è possibile scaricare la bibliografia!

2.5 - LE TELE DI PENELOPE
Obiettivo: Affrontare il complesso paradigma dei sentimenti che caratterizzano il mondo degli adolescenti attraverso la letteratura per ragazzi di genere, ma anche la poesia, il cinema e al musica.
Strumenti: Diari, lettere, racconti e poesie sono gli strumenti per chiacchierare con i ragazzi di amore, amicizia, diversità, adolescenza. La scrittura sarà poi lo strumento per elaborare le riflessioni sviluppate in biblioteca. Ciascun ragazzo dovrà contribuire a realizzare un collettivo alfabeto dei sentimenti attraverso la scelta di un brano, poesia o testo di canzoni ed una riflessione personale (riscrittura di una canzone canzone, poesia, pagina di diario, ecc).
A chi è rivolto:Scuole secondarie di primo grado: classi terze
Incontri: 3 di 2h
1° incontro: prima parte basata sulla presentazione del tema dei sentimenti attraverso letture di brani e ascolto di canzoni
2° incontro: lettura dei materiali portati dai ragazzi e riflessioni e letture sul tema
3° incontro: presentazioni delle riflessioni elaborate dai ragazzi sul tema e costruzione dell’alfabeto dei sentimenti.
Tra il primo e il secondo incontro tutti i ragazzi dovranno leggere almeno un libro della bibliografia proposta e portare il testo di una canzona, un brano del libro letto o una poesia. Tra il secondo e il terzo i ragazzi utilizzando la forma espressiva che preferiscono, dovranno descrivere le loro riflessioni sul tema dei sentimenti.
I lavori più interessanti verranno premiati o segnalati sul sito della biblioteca.
Qui è possibile scaricare la bibliografia!

2.5 - STORYTELLING IN ACTION !
Obiettivo:mettere in campo con i ragazzi paretcipanti in campo una serie di narrazioni partendo dal proprio vissuto quotidiano e avendo come proscenio il territorio rozzanese.
Ma i territori esplorati dai giovani viaggiatori immaginari non saranno solo quelli fisici, ma anche quelli narrativi: infatti attraverso tre focus group e due corsi di fotografia e fumetto, i ragazzi conosceranno l’arte del narrare e maneggeranno contemporaneamente tutti gli strumenti, iconici, testuali e verbali, per raccontare l’immaginario urbano e periferico adolescenziale.
Il risultato sarà un storia di quotidiana periferia urbana, sviluppata attraverso testi, fotografie e illustrazioni, che, tra le altre cose, potrà anche essere una mostra itinerante.
L’incontro è rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado.

2.6 - LEGGERE INSIEME: REALIZZIAMO UN GRUPPO DI LETTURA
Obiettivo: far scoprire il piacere del leggere ai ragazzi attraverso scelte di lettura condivise
A chi è rivolto: Classi quinte della scuola primaria e scuole secondarie di primo grado
Strumenti: I ragazzi scelgono i libri da leggere e in gruppo provano a discuterne il valore formale o il contenuto, valutando una possibile selezione di testi per la realizzazione di eventuali bibliografie ragionate da proporre alle classi o alla biblioteca.
Uno dei possibili sviluppi del progetto è la realizzazione di un blog, virtuale redazione/bacheca dove i ragazzi dei vari gruppi potranno condividere le letture, recensirle e proporre percorsi tematici.
I gruppi potranno adottare come sede la biblioteca dei ragazzi. In quell’occasione i bibliotecari proporranno liste con novità editoriali o titoli particolarmente significativi.
Sarà poi possibile entrare in rete con altre esperienze italiane come ad esempio il progetto “Fuorilegge” (www.fuorilegge.org).
Per la realizzazione del blog è necessario un incontro con gli insegnanti referenti ed ragazzi.

2.7 - LE CITTA’ NARRANTI
Obiettivo: Far conoscere il mondo dell’editoria per bambini, ragazzi e adolescenti attraverso incontri con autori e illustratori e percorsi di in-formazione per genitori, insegnanti ed educatori.
Strumenti: Gli studenti, dopo aver letto i libri, incontrano gli autori e discuteranno sui temi relativi alle storie, ai personaggi e al lavoro editoriale. Durante il corso dell’anno scolastico verranno organizzati percorsi in-formativi per insegnanti e genitori dedicati ai temi, alle forme e ai generi della letteratura per l’infanzia e l’adolescenza.
Incontri:Verranno programmati tre incontri dedicati alla lettura digitale, alla letteratura per l‘adolescenza e alla pedagogia della lettura.
Informazioni: Gli incontri previsti vengono segnalati attraverso la mailing list e le pagine social della biblioteca dei ragazzi

2.8 - LEGGERE 3.0 : TRA GRUPPI DI LETTURA E SOCIAL READING
Obiettivo: il percorso si propone di coinvolgere adolescenti e giovani adulti su progetti di lettura in chiave “social” attraverso l’utilizzo sia di strumenti più tradizionali come i gruppi di lettura sia di quelli più 2.0 come i blog e più in generale i social network.
In particolare si punta sul blog, che si presenta come ottimo strumento che raccoglie in modo paradigmatico le azioni del leggere: la dimensione intimista del diario, le caratteristiche strutturali proprie dei siti tradizionali e una spiccata vocazione all’interazione con i visitatori.
Inoltre ben si presta a condividere contenuti con i social network come Facebook, Twitter, Instagram.
Strumenti: I ragazzi coinvolti agiscono in due direzioni: la prima verso la costituzione di un gruppo di lettura, manter in seconda battuta si cerca di allargare la base dei lettori del gruppo attraverso la creazione di un blog, che conterrà, recensioni e informazioni relative a letture, libri, ma anche musica, cinema e gaming.
Il progetto è rivolto ad ragazzi tra i 14 e 21 anni.

2.9 - LEGGERE 3.0: BUCSITY
Obiettivo: Bucsity è il progetto della biblioteca dei ragazzi di Rozzano (Mi) in collaborazione con un gruppo di insegnanti di due scuole secondarie di primo grado del territorio (IC Orchideee - Valleambrosia, IC Monte Amiata) nell’autunno 2010, a partire dall’idea di costituire un gruppo di lettura tradizionale.
Che invece è virato verso il web 2.0 puntando anche gestione autonoma e diretta da parte dei ragazzi non solo nella scelta delle letture ma anche nell’amministrazione del blog.. Bucsity è diventato così il luogo dove leggere e postare recensioni e storie, raccontare eventi dedicati alla lettura, ma anche occasione per chicchierare su libri e letture e individuare titoli adeguati e divertenti o proporre cose per tendenza poco appetibili al popolo over 10, come ad esempio gli albi illustrati. Poi i ragazzi e le ragazze oltre a postare commenti o notizie librarie, hanno condotto incontri con autori, partecipato a convegni ed eventi, intervistato coetanei europei, realizzato mensilmente in una radio privata consigli di lettura.
Strumenti: i ragazzi che intendo partecipare potranno, dopo aver letto i libri, postare articoli sul blog e partecipare alle iniziative collaterali proposte dalla biblioteca dei ragazzi.
i giovani bibliobloggers avvrannno al pssibilità ad esempio di incontrare gli autori e discutere sui temi relativi alle storie, ai personaggi e al lavoro editoriale.
Incontri: all’inzio dell’anno scolastico verranno programmati in biblioteca o a scuola piccoli momenti di formazione per i futuri bloggers. Una volta entrati a far parte della redazione i ragazzi sono già attivi e possono accedere dalla biblioteca, dala scuola o da casa.
Gli incontri della redazioni si svolgono indicativamente ogni 45 giorni.

3 SERVIZI PERMANENTI

3.1 SALVE, SONO LA BIBLIOTECA
Viaggio alla scoperta dei libri, delle storie e del Mulino
Incontro di benvenuto per gli studenti che visitano per la prima volta la biblioteca.
Per tutte le classi

3.2 PRONTI VIA! SI NAVIGA?
Libri VS nuove tecnologie
Questo servizio si propone la costruzione di piccole strategie per affrontare studi e ricerche in modo proficuo, utilizzando sia i tradizionale strumenti cartacei sia le nuove tecnologie informatiche. Ai ragazzi, partendo da un argomento scelto dagli insegnanti, viene spiegato come cercare e trovare informazioni sui libri in biblioteca e su internet.
Dalla classe terza della scuola primaria, anche per gli insegnanti

3.3 LEZIONI IN BIBLIOTECA/TRACCE DI INFORMATION LITERACY
La biblioteca offre la possibilità di organizzare su richiesta lezioni di storia, geografia, scienze, ecc. Gli insegnanti e gli studenti avranno a disposizione libri, dvd e siti internet, relativi agli argomenti concordati.
Ai bambini e ai ragazzi partecipanti verrà fatto un breve corso su come recuperare le fonti documentarie e costruire mappe concettuali.
Per tutte le classi

3.4 OGGI TI PRESTO UN LIBRO: VISITA NON GUIDATA
Visita “non guidata” per incontrare e prendere in prestito i libri preferiti.
È possibile programmarla anche mensilmente proporla mensilmente a partire da un tema precedentemente concordato.
Per tutte le classi

3.5 OGGI TI PRESTO UN LIBRO: LE SCATOLE IMMAGINARIE
Per avvicinare anche i bambini dei nidi e delle scuole dell’infanzia, che spesso per ragioni logistiche non possono partecipare alle attività proposte dalla biblioteca dei ragazzi, la biblioteca dei ragazzi ha predisposto una serie di cassette/scatole per poter viaggiare con i propri alunni nel fantastico mondo della lettura. Ogni singola cassetta/scatole a partire da un tema o un genere, contiene un numero variabile tra i 15 e i 30 libri, che verranno dati in prestito alle insegnanti che ne fanno richiesta. I libri possono essere tenuti per un mese.
Possono anche essere concordati i temi.
Per i nidi e le scuole dell’infanzia

3.6 BIBLIOGRAFIAMOCI
Servizio di consulenza con bibliografie complete su argomenti a richiesta, e la possibilità di realizzare incontri per presentare le novità più interessanti del mercato editoriale.
Per gli insegnanti

3.7 - SCRIVERE CHE PIACERE - AUTORI E AUTRICI SI PRESENTANO!
Periodicamente e grazie a case editrici ed istituzioni la biblioteca propone incontri con scrittrici ed illustratrici rivolti a gruppi classe di tuitti gli ordini di scuola.
Gli incontri sono gratuiti ma è obbligatorio che i bambini e i ragazzi partecipanti conoscano le storie dei libri presentati e le biografie degli autori. Per tale ragione prima degli incontri la biblioteca fornirà in prestito a ciascuna classe una copia del libro in presentazione. In accordo con la casa editrice, le librerie presenti sul territorio e l'Associazione Amici della Biblioteca, durante l'incontro potranno essere messe in vendita le copie autografate.
Per tutte le scuole.

libro

4 THEKEDISCUOLA

Le biblioteche scolastiche in Italia non godono di buona salute.
All’interno del mondo scolastico non hanno, per ragioni strutturali, politiche ed economiche una grande considerazione, come ad esempio succede nel mondo anglosassone. Una marginalità culturale che ha avuto ricadute anche sulle biblioteche di pubblica lettura costrette a surrogare i compiti che per vocazione spettano alle biblioteche scolastiche.
Rozzano è stata tra le prime realtà in Italia ad attivare sinergie finalizzate alla realizzazione di un sistema integrato tra biblioteche scolastiche e biblioteche di pubblica lettura avviando una collaborazione tra la scuola media Luini-Falcone e il Sistema Bibliotecario Intercomunale di Rozzano, basato anche sulla condivisione del catalogo centralizzato.
Il progetto, temporaneamente in stand-by (anche se in realtà gli insegnanti della scuola media hanno continuato a catalogare in proprio il patrimonio), ha fornito interessanti motivi di riflessioni su possibili scenari futuri.
Partendo dalla mission istituzionale sul ruolo che la biblioteca scolastica può e deve svolgere all’interno di “ogni strategia a lungo termine per l’alfabetizzazione, l’educazione, la fornitura di informazione…”, e che dovrebbe sgombrare il campo da quella confusione e ambiguità di ruoli che ha visto in questi anni le biblioteche scolastiche appoggiarsi eccessivamente alle biblioteche pubbliche, mutuandone modelli e comportamenti non attinenti alla propria missione, il gruppo di lavoro ha valutato la necessità di avviare una seria riflessione sulle biblioteche scolastiche delle scuole del territorio, prevedendo una mappatura dell’esistente, che dia un effettivo quadro della situazione locale.
L’obiettivo è quello di mettere in campo una serie di strumenti finalizzati a dotare di biblioteche scolastiche tutti i plessi, di costruire una seria politica delle collezioni, di formare personale in grado di far nascere, gestire e sviluppare servizi bibliotecari in ogni scuola, provando a realizzare una rete integrata e organica di strutture in grado di colloquiare tra loro e con il territorio, che adotti un modello gestionale comune pur nel rispetto delle singole specificità.